Il grasso: quello che fa bene

Il grasso non va demonizzato perché svolge tante funzioni, certo non bisogna esagerare ma mantenere il peso in equilibrio evitando di scivolare nel sovrappeso patologico e nell’obesità. Il grasso ci protegge dal freddo mantenendo stabile la temperatura corporea. Fornisce una riserva energetica importante, sempre a disposizione del nostro corpo. E’ il più importante “serbatoio” di cellule staminali che hanno il compito di rigenerare tutti i tessuti organici, mantenendoli giovani e vitali. Nel grasso viene depositata la vitamina D, assunta attraverso l’alimentazione o sintetizzata dalla pelle sotto l’azione dei raggi solari. Infine il grasso produce 600 proteine fondamentali per il metabolismo energetico, nonché i diversi tipi di ormoni. Il tessuto adiposo produce anche ormoni come l’estradiolo (il più importante tra gli estrogeni) e la leptina, un ormone prodotto dal grasso durante la notte che regola il senso di sazietà e svolge una funzione di sostegno del sistema immunitario. Un adulto dovrebbe introdurre una media di 40gr. di grassi al giorno, i cosiddetti macronutrienti che, nelle giuste proporzioni, non dovrebbero mai mancare in una dieta bilanciata. I grassi buoni sono i grassi poli-saturi che si trovano nell’olio extra vergine di oliva e in quelli di girasole e in frutti come l’avocado e in alimenti vegetali quali le mandorle, nocciole e pistacchi. Importanti per il cosiddetto colesterolo buono sono gli omega 3, alcuni pesci ( il salmone, sgombro, sardine e tonno), nelle noci e in alcuni legumi come i fagioli secchi. L’Omega 6 si trova negli oli essenziali (mais, soia) e in frutta oleosa (arachidi, noci e pistacchi) e in alimenti come cereali, legumi secchi e nel tuorlo d’uovo. Questi grassi sono fondamentali componenti dell’organismo e aiutano a diminuire i trigliceridi nel sangue. Il grasso che si trova invece negli alimenti confezionati e trasformati (trans) aumentano il colesterolo totale e cattivo, riducendo quello buono (Hdl). Quindi i grassi saturi di origine animale come lardo, panna, burro, i salumi, i formaggi e i cibi contenenti grassi vegetali idrogenati (margarina) sono da evitare preferendo i grassi vegetali. Una buona abitudine è quindi quella di leggere le etichette quando si fa la spesa, per vedere i grassi usati come ingrediente. Come condimento è bene usare l’olio evo o quello di lino o di canapa, preziosa fonte di omega3. Infine anche i carboidrati ( sempre nelle giuste dosi) aumentano le riserve organiche di grasso.

Photo by Marta Branco on Pexels.com

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: